Commissione parlamentare per le questioni regionali - Mercoledý 14 ottobre 2009


Pag. 168


ALLEGATO 1

DL 134/09: Disposizioni urgenti per garantire la continuità del servizio scolastico ed educativo per l'anno 2009-2010 (C. 2724 Governo).

PROPOSTA DI PARERE

La Commissione parlamentare per le questioni regionali,
esaminato, per i profili di competenza il nuovo testo del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 134 recante «Disposizioni urgenti per garantire la continuità del servizio scolastico ed educativo per l'anno 2009-2010», come risultante dagli emendamenti approvati nel corso dell'esame in sede referente;
rilevato come il decreto-legge in esame sia stato emanato per assicurare la continuità del servizio scolastico con particolare riferimento agli insegnanti iscritti nelle graduatorie ad esaurimento ed al personale ATA iscritto nelle graduatorie permanenti, già titolari di un incarico annuale nel precedente anno scolastico 2008-2009.
rilevato che l'intervento disposto al comma 1 del decreto-legge è dettato anche dall'esigenza di adeguarsi alla sentenza della Corte di giustizia europea del 13 settembre 2007 la quale ha confermato il principio del divieto di discrimi-nazione dei lavoratori a tempo determinato rispetto ai lavoratori a tempo indeterminato, «a meno che un trattamento differenziato non si giustifichi per ragioni oggettive»;
preso atto della circostanza che il rapporto di lavoro che s'instaura tra il docente supplente e l'amministrazione scolastica ha - secondo quanto si legge nella relazione illustrativa - caratteristiche del tutto peculiari, tali da giustificare e da rendere necessaria una diversità di trattamento;
esaminate le modifiche introdotte dalla Commissione di merito in sede referente;
considerato che le norme del testo, come modificato dagli emendamenti approvati nel corso dell'esame in sede referente, afferiscono ad ambiti materiali di competenza legislativa esclusiva dello Stato, quali «ordinamento e organizzazione amministrativa dello Stato e degli enti pubblici nazionali», e « norme generali dell'istruzione», di cui, rispettivamente, all'articolo 117, secondo comma, lettera g), e lettera n) della Costituzione;
esprime

PARERE FAVOREVOLE


Pag. 169


ALLEGATO 2

DL 134/09: Disposizioni urgenti per garantire la continuità del servizio scolastico ed educativo per l'anno 2009-2010 (C. 2724 Governo).

PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La Commissione parlamentare per le questioni regionali,
esaminato, per i profili di competenza, il nuovo testo del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 134 recante «Disposizioni urgenti per garantire la continuità del servizio scolastico ed educativo per l'anno 2009-2010», come risultante dagli emendamenti approvati nel corso dell'esame in sede referente;
rilevato come il decreto-legge in esame sia stato emanato per assicurare la continuità del servizio scolastico con particolare riferimento agli insegnanti iscritti nelle graduatorie ad esaurimento ed al personale ATA iscritto nelle graduatorie permanenti, già titolari di un incarico annuale nel precedente anno scolastico 2008-2009;
rilevato come l'intervento disposto al comma 1 del decreto-legge sia da ritenersi connesso a quanto dichiarato dalla Corte di giustizia europea nella sentenza del 13 settembre 2007, con la quale è stato confermato il principio del divieto di discriminazione dei lavoratori a tempo determinato rispetto ai lavoratori a tempo indeterminato, «a meno che un trattamento differenziato non si giustifichi per ragioni oggettive»;
preso atto della circostanza che il rapporto di lavoro che s'instaura tra il docente supplente e l'amministrazione scolastica ha - secondo quanto si legge nella relazione illustrativa - caratteristiche del tutto peculiari, tali da giustificare e da rendere necessaria una diversità di trattamento;
esaminate le modifiche introdotte dalla Commissione di merito in sede referente;
considerato che le norme del testo, come modificato dagli emendamenti approvati nel corso dell'esame in sede referente, afferiscono ad ambiti materiali di competenza legislativa esclusiva dello Stato, quali «ordinamento e organizzazione amministrativa dello Stato e degli enti pubblici nazionali», e « norme generali dell'istruzione», di cui, rispettivamente, all'articolo 117, secondo comma, lettera g) e lettera n), della Costituzione;
esprime

PARERE FAVOREVOLE

con le seguenti osservazioni:
all'articolo 1, comma 3, si preveda un accordo tra Stato e regioni al fine di regolare le procedure e le modalità d'intervento e di garantire l'omogeneità degli accordi.


Pag. 170


ALLEGATO 3

DL 135/09: Disposizioni urgenti per l'attuazione di obblighi comunitari e per l'esecuzione di sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee (S. 1784 Governo).

PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La Commissione parlamentare per le questioni regionali,
esaminato, per i profili di competenza, il decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135, recante disposizioni urgenti per l'attuazione di obblighi comunitari e per l'esecuzione di sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee;
considerato che il provvedimento s'inquadra nell'ambito delle misure necessarie a garantire il rispetto di quanto previsto dall'articolo 117, primo comma, della Costituzione;
rilevato che:
in via generale, il decreto-legge afferisce all'ambito materiale «rapporti dello Stato con l'Unione europea», rimesso alla competenza legislativa esclusiva dello Stato ai sensi dell'articolo 117, secondo comma, lettera a), della Costituzione;
in particolare, le disposizioni del provvedimento rientrano nelle materie «tutela dell'ambiente» (articoli 4 e 5) e «tutela della concorrenza» (articoli 15 e 16), rimesse alla competenza legislativa esclusiva dello Stato ai sensi dell'articolo 117, secondo comma, lettere e), r) ed s) della Costituzione, nonché nella materia «alimentazione» (articolo 6), affidata alla competenza legislativa concorrente ai sensi dell'articolo 117, terzo comma, della Costituzione,
esprime

PARERE FAVOREVOLE.