Commissione parlamentare per le questioni regionali - Mercoledý 15 settembre 2010


Pag. 209


ALLEGATO 1

Concessione di contributi per il finanziamento di attività di ricerca sulla cultura latina del medioevo europeo (Nuovo testo C. 2774).

PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La Commissione parlamentare per le questioni regionali,
esaminato, per i profili di propria competenza, il disegno di legge C. 2774, in corso di esame presso la VII Commissione della Camera, recante la concessione di contributi per il finanziamento di attività di ricerca sulla cultura latina del medioevo europeo;
considerato che, ai sensi dell'articolo 117, terzo comma, della Costituzione la «valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e organizzazione di attività culturali» è riconducibile alla legislazione concorrente;
esprime

PARERE FAVOREVOLE

con la seguente condizione:
sia uniformata per tutte le istituzioni destinatarie di contributi la rendicontazione dei contributi medesimi ed il vincolo dell'impiego esclusivamente per lo svolgimento delle attività istituzionali;
e con la seguente osservazione:
valuti la Commissione di merito l'opportunità di prevedere una compartecipazione degli enti locali eventualmente interessati agli oneri finanziari recati dal provvedimento in esame.


Pag. 210


ALLEGATO 2

Sistemi di mobilità con impiego di idrogeno e carburanti di origine biologica (Testo unificato C. 2184 e C. 2219).

PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La Commissione parlamentare per le questioni regionali,

esaminato, per i profili di propria competenza, il testo unificato delle proposte di legge C. 2184 e C. 2214, in corso di esame presso la IX Commissione della Camera, recante disposizioni in materia di sistemi di mobilità con impiego di idrogeno e carburanti di origine biologica;

considerato che il testo in oggetto contempla previsioni eterogenee che incidono sulla competenza concorrente Stato-regioni in ordine ai diversi profili afferenti alla ricerca scientifica e tecnologica ed al sostegno all'innovazione per i settori produttivi, cui si riferisce l'articolo 117, comma 3, della Costituzione;

esprime

PARERE FAVOREVOLE

con la seguente condizione:
sia previsto che il decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti con cui sono definite le linee guida per la concessione dei menzionati finanziamenti, con particolare riferimento alla puntuale individuazione delle caratteristiche degli interventi finanziabili, nonché alle modalità di rendicontazione delle spese finanziate da parte dei soggetti beneficiari, ai sensi dell'articolo 5, sia adottato d'intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano;
e con la seguente osservazione:
valuti la Commissione di merito l'opportunità di precisare che il menzionato decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti sia emanato di concerto con il Ministro dell'agricoltura, oltre che di concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare.


Pag. 211


ALLEGATO 3

Disposizioni per assicurare la totale utilizzazione delle risorse del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) (Nuovo testo C. 3472).

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

La Commissione parlamentare per le questioni regionali,

esaminata, per i profili di propria competenza, la proposta di legge C. 3472, recante disposizioni per assicurare la totale utilizzazione delle risorse del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) assegnate all'Italia, in corso di esame presso la XIII Commissione della Camera;

considerato che le disposizioni in oggetto intervengono in materia di sostegno allo sviluppo rurale, al fine di individuare uno strumento che possa assicurare l'effettivo utilizzo delle risorse finanziarie già stanziate per il periodo 2007-2013 per le singole Regioni italiane nel quadro dei Piani Regionali di Sviluppo e consentire pertanto la non applicazione delle norme comunitarie che prevedono il disimpegno automatico delle somme non utilizzate;

esprime

PARERE FAVOREVOLE

con le seguenti osservazioni:
a) valuti la Commissione di merito l'opportunità di precisare la portata delle previsioni di cui all'articolo 1, al fine di evitare che la prevista adozione di un programma nazionale in luogo dei programmi regionali comporti l'insorgere di eventuali criticità giuridiche, tecniche e gestionali che, anche in ragione di eventuali contenziosi, producano ulteriori rallentamenti nell'utilizzo delle risorse non utilizzate;
b) valuti la Commissione di merito, alla luce delle previsioni comunitarie secondo cui ad ogni programma corrisponde un organismo pagatore, l'opportunità di verificare se le previsioni in esame non pregiudichino l'operatività degli organismi pagatori regionali, con il rischio di alimentare un complessivo aumento dei costi amministrativi;
c) valuti altresì la Commissione di merito l'opportunità di precisare che siano comunque salvaguardate le prerogative costituzionali riconosciute alle Regioni in materia di agricoltura.