Commissione parlamentare per le questioni regionali - Mercoledý 7 marzo 2012


Pag. 229

ALLEGATO 1

DL 2/12: Misure straordinarie e urgenti in materia ambientale. (C. 4999 Governo, approvato dal Senato).


PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La Commissione parlamentare per le questioni regionali,
esaminato, per i profili di propria competenza, il disegno di legge di conversione del decreto-legge 25 gennaio 2012, n. 2, approvato dal Senato, recante «Misure straordinarie e urgenti in materia ambientale», in corso di esame presso la VIII Commissione della Camera e su cui la Commissione ha espresso parere alla 13a Commissione del Senato in data 1o febbraio 2012;
considerato che il provvedimento afferisce alla materia ambientale, assegnata dall'articolo 117, secondo comma, lettera s) della Costituzione, alla competenza esclusiva dello Stato, ed evidenziato che il «governo del territorio» è riconducibile alla competenza concorrente tra Stato e regioni ai sensi dell'articolo 117, terzo comma, della Costituzione;
evidenziato che la disciplina recata dal provvedimento risponde a puntuali rilievi mossi dai competenti organismi dell'Unione europea in sede di procedura d'infrazione verso l'Italia per inadempimenti in materia ambientale,
esprime

PARERE FAVOREVOLE

con le seguenti condizioni:
1) sia precisato che le disposizioni recate dal testo in esame debbano comunque far salve le competenze costituzionalmente riconosciute alle autonomie territoriali ai sensi delle previsioni del titolo V, parte seconda, della Costituzione e sia definito il graduale rientro delle competenze in materia agli enti locali titolari delle medesime;
2) sia precisato, all'articolo 3-bis, che i decreti ministeriali che disciplineranno la gestione del compost, materia regolata dalle disposizioni regolamentari e tecniche delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano, siano adottati previa intesa con la Conferenza unificata.


Pag. 230

ALLEGATO 2

Modifica della disciplina transitoria del conseguimento delle qualifiche professionali di restauratore di beni culturali e di collaboratore restauratore di beni culturali (Testo unificato S. 2997 e S. 2794).


PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La Commissione parlamentare per le questioni regionali,
esaminato, per i profili di propria competenza, il testo unificato dei disegni di legge S. 2997 e S. 2794, in corso di esame presso la 7a Commissione del Senato, recante la modifica della disciplina transitoria del conseguimento delle qualifiche professionali di restauratore di beni culturali e di collaboratore restauratore di beni culturali;
considerato che, in relazione al Titolo V, parte seconda della Costituzione, il testo in esame disciplina materie afferenti alla competenza legislativa regionale,
esprime

PARERE FAVOREVOLE

con la seguente condizione:
sia precisato, all'articolo 1, che i decreti ministeriali di cui ai richiamati commi 1-quinquies e 1-octies, che definiscono requisiti e modalità per acquisire le qualifiche, rispettivamente, di restauratore di beni culturali e di collaboratore restauratore di beni culturali, sono adottati d'intesa con la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281;
e con la seguente osservazione:
valuti la Commissione di merito l'opportunità di prevedere, all'articolo 1, che possano essere predisposti anche elenchi di carattere regionale in aggiunta all'elenco richiamato dal comma 1-bis novellato dell'articolo 182 del codice dei beni culturali del paesaggio.


Pag. 231

ALLEGATO 3

Istituzione del registro nazionale e dei registri regionali degli impianti protesici mammari, obblighi informativi alle pazienti, nonché divieto di intervento di plastica mammaria alle persone minori (S. 2515, approvato dalla Camera).

PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La Commissione parlamentare per le questioni regionali,
esaminato, per i profili di propria competenza, il testo del disegno di legge S. 2515 Governo, approvato dalla Camera, recante «Istituzione del registro nazionale e dei registri regionali degli impianti protesici mammari, obblighi informativi alle pazienti, nonché divieto di intervento di plastica mammaria alle persone minori», in corso di esame presso la 12a Commissione del Senato e su cui la commissione ha espresso parere alla XII della Camera in data 24 novembre 2010;
valutati i contenuti del testo in esame che, nel prescrivere disposizioni a garanzia dei requisiti di sicurezza delle protesi mammarie e a tutela del diritto all'informazione delle pazienti, valorizzano il ruolo delle regioni, in un settore che afferisce all'ambito della «tutela della salute», oggetto di competenza legislativa concorrente ai sensi dell'articolo 117, terzo comma, della Costituzione,
esprime

PARERE FAVOREVOLE.