Commissione parlamentare per le questioni regionali - Mercoledý 25 luglio 2012


Pag. 202


ALLEGATO 1

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici. (Nuovo testo C. 4041, approvata dal Senato).

PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La Commissione parlamentare per le questioni regionali,
esaminato, per i profili di competenza, il nuovo testo della proposta di legge C. 4041, approvata dal Senato, recante modifiche alla disciplina del condominio negli edifici, in corso di esame presso la II Commissione della Camera;
valutato che la disciplina oggetto del testo in esame appare riconducibile alle materie «giurisdizione e norme processuali; ordinamento civile», di competenza esclusiva statale ai sensi dell'articolo 117, comma 2, lettera l) della Costituzione;
considerato che l'articolo 26 reca altresì norme in materia di professioni, afferenti alla competenza concorrente Stato-Regioni ai sensi dell'articolo 117, terzo comma, della Costituzione,
esprime

PARERE FAVOREVOLE

con la seguente osservazione:
valuti la Commissione di merito l'opportunità prevedere modalità di collaborazione e concertazione tra Stato e Regioni in ordine all'attuazione dell'articolo 26.


Pag. 203


ALLEGATO 2

Disposizione per l'organizzazione e il funzionamento del Museo nazionale dell'emigrazione italiana. (Testo unificato C. 4698 e abb).

PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La Commissione parlamentare per le questioni regionali,
esaminato, per i profili di propria competenza, il testo unificato della proposta di legge C. 4698 ed abb., in corso di esame presso la VII Commissione della Camera, recante disposizioni per l'organizzazione e il funzionamento del Museo nazionale dell'emigrazione italiana;
considerato che l'articolo 117, secondo comma, lettera s), della Costituzione ascrive la «tutela dei beni culturali», oggetto del provvedimento, tra le materie di competenza esclusiva dello Stato, mentre l'articolo 117, terzo comma, annette la «valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e organizzazione di attività culturali» tra le materie di legislazione concorrente; rilevato altresì che l'articolo 118, terzo comma, ha devoluto alla legge statale il compito di disciplinare «forme di intesa e coordinamento nella materia della tutela dei beni culturali» tra Stato e regioni;
valutata la menzionata competenza concorrente in materia di valorizzazione dei beni culturali e l'attribuzione a Roma capitale di funzioni amministrative in materia di concorso alla valorizzazione di beni storici e artistici,
esprime

PARERE FAVOREVOLE

con la seguente osservazione:
valuti la Commissione di merito l'opportunità di prevedere, all'articolo 4, che nell'ambito del comitato scientifico siano presenti rappresentanti della regione e di Roma capitale.


Pag. 204


ALLEGATO 3

DL 89/12: Proroga di termini in materia sanitaria. (S. 3414 Governo, approvato dalla Camera).

PARERE APPROVATO DALLA COMMISSIONE

La Commissione parlamentare per le questioni regionali,
esaminato, per i profili di propria competenza, il disegno di legge di conversione del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 89, approvato dalla Camera, in corso di esame presso la 12a Commissione del Senato, recante proroga di termini in materia sanitaria;
rilevato che il provvedimento appare riconducibile, per quanto attiene alla proroga relativa all'attività professionale intramuraria, alla materia «tutela della salute», oggetto di competenza legislativa concorrente, ai sensi dell'articolo 117, comma 3, della Costituzione, e con riferimento al riordino degli organismi collegiali, alla materia «ordinamento e organizzazione amministrativa dello Stato e degli enti pubblici nazionali», oggetto di competenza legislativa esclusiva ai sensi dell'articolo 117, secondo comma, lettera g) della Costituzione;
evidenziate le modifiche apportate al testo nel corso dell'esame alla Camera,
esprime

PARERE FAVOREVOLE

con la seguente osservazione:
valuti la commissione di merito l'opportunità di prevedere che alla proroga dell'attività libero-professionale intramuraria si accompagni anche quella delle disposizioni volte a consentire a ciascuna regione di completare il programma finalizzato alla realizzazione di strutture sanitarie per la predetta attività.